Ultiva

Avvisi speciali

[Pubblicato 2016/03/22]

PUBBLICO: Medici di base, Psichiatria, gestione del dolore, Nursing, Endocrinologia

PROBLEMA: FDA avverte circa diverse questioni di sicurezza con l’intera classe di farmaci oppioidi. Vedere la per un elenco completo. Questi rischi per la sicurezza sono potenzialmente interazioni pericolose con numerosi altri farmaci, problemi con le ghiandole surrenali, e diminuzione dei livelli di ormoni sessuali. Siamo la necessità di modificare le etichette di tutti i farmaci oppioidi per mettere in guardia su questi rischi.

BACKGROUND: Gli oppioidi sono potenti medicinali soggetti a prescrizione che può aiutare a gestire il dolore quando altri trattamenti e farmaci non sono in grado di fornire sollievo dal dolore abbastanza (vedere l’elenco dei medicinali oppioidi nel). Tuttavia, gli oppioidi anche portare gravi rischi, compreso di un uso improprio e l’abuso, dipendenza, overdose e morte.

oppioidi prescrizione sono divisi in due categorie principali – a rilascio immediato prodotti (IR), di solito destinati all’uso ogni 4 a 6 ore; prodotti e rilascio prolungato / lunga durata d’azione (ER / LA), destinati ad essere assunto una volta o due volte al giorno, a seconda del singolo prodotto e paziente.

Vedere la Per ulteriori informazioni, compreso un elenco di oppioidi, farmaci serotoninergici, e una sintesi dei dati.

RACCOMANDAZIONI

sindrome serotoninergica

Gli operatori sanitari devono interrompere il trattamento e / o l’uso di altri medicinali oppioidi se si sospetta sindrome serotoninergica.

insufficienza surrenalica

Gli operatori sanitari devono eseguire test diagnostici se si sospetta insufficienza surrenalica. Se diagnosticato, il trattamento con corticosteroidi e svezzare paziente fuori del oppioidi, se del caso. Se l’oppioide può essere interrotto, la valutazione di follow-up della funzione surrenale deve essere eseguita per determinare se il trattamento con corticosteroidi può essere interrotto.

Diminuzione dei livelli di ormoni sessuali

Gli operatori sanitari dovrebbero condurre valutazione di laboratorio in pazienti con tali segni o sintomi.

Per ulteriori informazioni il sito web della FDA all’indirizzo: e.

Selective μ-agonista del recettore oppiacei; fentanil analogico. 1 2 3 4 10 11 12

In attesa della revisione, il materiale in questa sezione deve essere considerato alla luce delle informazioni più recentemente disponibili nella notifica MedWatch all’inizio di questa monografia.

Come componente analgesico nella induzione e mantenimento dell’anestesia generale per le procedure di degenza e ambulatoriali. 1 2 3 9 10 12 Sebbene remifentanil è stato usato come agente primario per l’induzione di anestesia, il suo uso come unico agente in anestesia generale non è consigliabile poiché perdita di coscienza non può essere garantita ed un’elevata incidenza di apnea, rigidità muscolare, o tachicardia è possibile. 1 2 3

Può essere continuato nel periodo postoperatorio negli adulti, per i quali è desiderato dopo la transizione al analgesici ad azione prolungata; deve essere utilizzato sotto la diretta supervisione di un medico di anestesia in un reparto di terapia post-operatoria anestesia o unità di terapia intensiva (ICU). 1 25 36 37 38 39 40 41 lungo termine (vale a dire,> 16 ore) l’uso di remifentanil in pazienti in terapia intensiva non è stata stabilita fino ad oggi. 1

Può essere particolarmente utile in procedure chirurgiche che richiedono una rapida insorgenza di analgesia e rapido recupero. 2 3 8

Mentre la componente analgesica della cura anestesia monitorati (ad esempio, in collaborazione con anestesia locale o regionale per le procedure chirurgiche, tra cui la chirurgia oftalmica, 1 32 33 biopsia mammaria, 31 34 35 e altre procedure chirurgiche superficiali 1 31) negli adulti. 1 9

Selezione del farmaco preanesthetic (s) deve essere basata sulle esigenze individuali del paziente; Negli studi clinici, i destinatari remifentanil spesso ricevuto una benzodiazepina. 1

Selezione di anestetico concomitante (s) deve essere basata sulle esigenze individuali del paziente. 1

attività sinergica con altri anestetici; Può essere necessario un aggiustamento del dosaggio di anestetico somministrato in concomitanza (s). 1 3 (Vedi farmaci specifici sotto interazioni.)

Eliminare remifentanil dal tubo IV sulla sospensione del farmaco per prevenire la successiva somministrazione accidentale di farmaco residuo. 1 (Vedi Cessazione della terapia sotto Precauzioni.)

attività analgesica residua assente entro 5-10 minuti di sospensione del farmaco. 1 Considerare la somministrazione di analgesici alternativi prima di remifentanil sospensione nei pazienti chirurgici che possono provare dolore post-operatorio. 1 3 9 10 Scegli analgesico sulla base di intervento chirurgico e il livello di follow-up. 1

Per la soluzione e la compatibilità del farmaco, vedere Compatibilità sotto di stabilità.

Utilizzare un dispositivo per infusione controllata per assicurare un controllo preciso della portata durante continuo infusione del farmaco. 1

Iniettare remifentanil in tubi IV o vicino alla cannula venosa. 1

La somministrazione di remifentanil nella stessa tubazione IV con emoderivati ​​non è consigliato, in quanto potrebbe verificarsi metabolismo prematura del farmaco dalle esterasi non specifiche. 1

Eliminare remifentanil dal tubo IV sulla sospensione del farmaco per prevenire la successiva somministrazione accidentale di farmaco residuo. 1 (Vedi Cessazione della terapia sotto Precauzioni.)

Ricostituire fiale contenenti 1, 2, o 5 mg di remifentanil con l’aggiunta di 1 ml di diluente (acqua sterile per iniezione o altro fluido IV compatibile [vedere Compatibilità sotto di stabilità]) per mg di farmaco. 1 Agitare bene per dissolvere. 1 soluzione risultante contiene circa 1 mg di remifentanil per mL. 1

Le soluzioni ricostituite devono essere diluiti prima della somministrazione. 1

Diluire soluzione ricostituita alla concentrazione desiderata (20, 25, 50, o 250 mcg / mL; vedere Tabella 1) in una soluzione IV compatibili. 1 (Vedi bagagli e anche vedere Compatibilità, sotto Stabilità.)

Volume finale (mL) dopo ricostituzione e diluizione

Concentrazione finale (mcg / ml)

1 mg Vial

2 mg Vial

5 mg Vial

20

50

100

250

25

40

80

200

50

20

40

100

250

20

Una concentrazione finale di 25 mcg / mL è consigliato quando il farmaco viene utilizzato per la cura l’analgesia controllata. 1 Una concentrazione finale di 20 o 25 mcg / ml è raccomandato per i pazienti pediatrici ≥1 anno di età. 1 L’uso di 250 mcg / mL soluzioni del farmaco per l’infusione di dosi di ,0125-,025 mcg / kg per minuto non è raccomandato. 1

Individualizzare velocità di somministrazione in base alla risposta del paziente. 1 3 Per gli intervalli di dosaggio raccomandato e velocità di infusione continua, vedere Dosaggio sotto Dosaggio e somministrazione.

Somministrare rapidi IV (bolo) dosi di remifentanil solo durante la fase di anestesia generale manutenzione. 1

Nei pazienti non intubati, somministrare dosi singole di remifentanil in 30-60 secondi. 1

Induzione dell’anestesia: Somministrare remifentanil in infusione IV continua. 1 Se l’intubazione deve avvenire entro 8 minuti dopo l’inizio dell’infusione, una dose iniziale del farmaco può essere somministrato in 30-60 secondi. 1

Mantenimento dell’anestesia: Somministrare remifentanil in infusione IV continua. 1 può somministrare rapida IV (bolo) dosa ogni 2-5 minuti in risposta ad anestesia leggera o episodi transitori di intenso stress chirurgico. 1

Analgesia nel periodo post-operatorio immediato: Somministrare come infusione IV continua. 1 tassi di infusione> 0,2 mcg / kg per minuto sono associate con la depressione respiratoria. 1 supplementari rapidi IV (bolo) dosi di remifentanil non sono raccomandati a causa del rischio di depressione respiratoria e rigidità muscolare. 1

cura anestesia monitorata: Somministrare prima (blocco del nervo) locale o regionale anestesia come una singola IV dose somministrata in 30-60 secondi; In alternativa, amministrare come infusione IV continua. 1 supplementari rapidi IV (bolo) dosi di remifentanil non sono raccomandati a causa del rischio di depressione respiratoria e rigidità muscolare. 1

Non consigliato. 1

Velocità di infusione (ml / kg per ora)

Dosaggio (mcg / kg per minuto)

20 mcg / mL

25 mcg / mL

50 mcg / mL

250 mcg / mL

0,0125

0,038

0.03

0,015

0,025

0.075

0.06

0.03

0.05

0.15

0,12

0.06

0,012

0.075

0.23

0,18

0.09

0.018

0.1

0.3

0,24

0,12

0.024

0.15

0.45

0,36

0,18

0,036

0.2

0.6

0.48

0,24

0,048

0.25

0.75

0.6

0.3

0.06

0.5

1.5

1.2

0.6

0,12

0.75

2.25

1.8

0.9

0,18

1

3

2.4

1.2

0,24

1.25

3.75

3

1.5

0.3

1.5

4.5

3.6

1.8

0,36

1.75

5.25

4.2

2.1

0.42

2

6

4.8

2.4

0.48

Il rischio di rigidità muscolare è correlata alla dose e frequenza di somministrazione IV. 1 11 parete toracica rigidità segnalato dopo singole dosi di> 1 mcg / kg somministrati in 30-60 secondi, con velocità di infusione> 0,1 mcg / kg per minuto, o seguenti dosi singole di <1 mcg / kg somministrati in combinazione con una infusione continua del farmaco. 1 dosi supplementari di 0,5-1 mcg / kg e aumenti incrementali di velocità di infusione di> 0,05 mcg / kg per minuto associato con transitorie e reversibili rigidità muscolare. 1 somministrazione Prima o simultanea di propofol o tiopentale o un agente bloccante neuromuscolare può attenuare lo sviluppo di rigidità. 1 Per eccessiva rigidità, considerano diminuendo la velocità di infusione o interrompere l’infusione di remifentanil o la somministrazione di un agente bloccante neuromuscolare o naloxone. 1 (Vedere Effetti muscoloscheletrici sotto Precauzioni.)

Dosi di 0,5-1 mcg / kg somministrati in associazione con un’infusione continua di farmaco e aumenti incrementali nella velocità di infusione di> 0,05 mcg / kg per minuto sono associati con depressione respiratoria transitoria e reversibile e apnea. 1 In spontaneamente pazienti di respirare, gestire la depressione respiratoria, riducendo la velocità di infusione di remifentanil del 50% o interrompendo temporaneamente l’infusione. 1 (Vedi depressione respiratoria sotto Precauzioni.)

In attesa della revisione, il materiale in questa sezione deve essere considerato alla luce delle informazioni più recentemente disponibili nella notifica MedWatch all’inizio di questa monografia.

Disponibile come cloridrato remifentanil; dosaggio, espresse in termini di remifentanil. 1

attività sinergica con altri anestetici; Può essere necessario un aggiustamento del dosaggio di anestetico somministrato in concomitanza (s). 1 3 (Vedi farmaci specifici sotto interazioni.)

Produttore non fornisce raccomandazioni specifiche riguardo all’uso o dosaggio di remifentanil negli adolescenti ≥13 anni di età. 1 41

In concomitanza con protossido di azoto del 70%: remifentanil velocità di infusione iniziale di 0,4 mcg / kg per minuto. 1 A causa di liquidazione neonatale di remifentanil è variabile e può media il doppio di quella osservata nei giovani adulti, alcuni neonati possono richiedere una maggiore velocità di infusione per mantenere un’adeguata anestesia; titolare dosaggio con attenzione in base alle esigenze individuali. 1 velocità di infusione consigliata: 0,4-1 mcg / kg per minuto. 1

Rapid IV (bolo) dosi di 1 mcg / kg potrebbe essere somministrata ogni 2-5 minuti in risposta a segnali di anestesia inadeguata negli studi clinici nei neonati a termine e bambini fino a 2 mesi di età con American Society of Anesthesiologists (ASA) stato fisico del I o II. 1 16 30 Personalizzare il dosaggio. 1 Alcuni neonati, tra cui quelli che ricevono potenti anestetici per inalazione o anestesia neurassiale, quelli con comorbidità sostanziali o spostamenti di liquidi, e quelli che non hanno ricevuto atropina premedicazione, possono richiedere più piccole dosi in bolo di remifentanil per evitare ipotensione e / o bradicardia. 1

In concomitanza con protossido di azoto più alotano (0,3-1,5 minima concentrazione alveolare [MAC]), sevoflurano (0,3-1,5 MAC), o isoflurano (0,4-1,5 MAC): Remifentanil 0.25 mcg / kg per minuto nei pazienti con ASA stato fisico I, II o III. 1 Regolare la velocità di infusione verso l’alto del 50% o verso il basso del 25-50% in base alla risposta del paziente ad intervalli di 2-5 minuti. 1 velocità di infusione consigliata: 0,05-1,3 mcg / kg per minuto. 1 può somministrare rapida IV (bolo) dosi di 1 mcg / kg ogni 2-5 minuti in risposta ad anestesia leggera o episodi transitori di intenso stress chirurgico. 1

Una dose iniziale di 1 mcg / kg può essere somministrata in 30-60 secondi. 1 13

Alla velocità di infusione di remifentanil> 1 mcg / kg per minuto, prendere in considerazione un aumento del dosaggio di anestetici concomitanti (s) per aumentare la profondità dell’anestesia. 1

Remifentanil 0,5-1 mcg / kg per minuto proposta in combinazione con un anestetico volatile o agente ipnotico in pazienti con ASA stato fisico I, II o III. 1

Se l’intubazione deve avvenire entro 8 minuti dopo l’inizio dell’infusione remifentanil, una dose iniziale di 1 mcg / kg può essere data più di 30-60 secondi. 1

In combinazione con ossido di azoto al 66%: Remifentanil 0,4 mcg / kg al minuto nei pazienti con ASA stato fisico di I, II o III. 1 Regolare la velocità di infusione verso l’alto da 25-100% o verso il basso del 25-50% in base alla risposta del paziente ad intervalli di 2-5 minuti. 1 velocità di infusione consigliata: 0,1-2 mcg / kg per minuto. 1 può somministrare rapida IV (bolo) dosi di 1 mcg / kg ogni 2-5 minuti in risposta ad anestesia leggera o episodi transitori di intenso stress chirurgico. 1

In combinazione con isoflurano (0.4-1.5 MAC) o propofol (100-200 mcg / kg per minuto): Remifentanil 0,25 mcg / kg al minuto nei pazienti con ASA stato fisico di I, II o III. 1 Regolare la velocità di infusione verso l’alto da 25-100% o verso il basso del 25-50% in base alla risposta del paziente ad intervalli di 2-5 minuti. 1 velocità di infusione consigliata: 0,05-2 mcg / kg per minuto. 1 può somministrare rapida IV (bolo) dosi di 1 mcg / kg ogni 2-5 minuti in risposta ad anestesia leggera o episodi transitori di intenso stress chirurgico. 1

Alla velocità di infusione di remifentanil> 1 mcg / kg per minuto, prendere in considerazione un aumento del dosaggio di anestetici concomitanti (s) per aumentare la profondità dell’anestesia. 1

velocità di infusione postoperatoria iniziale di 0,1 mcg / kg per minuto in pazienti con ASA stato fisico di I, II o III. 1 Regolare velocità di infusione in incrementi di 0,025 mcg / kg al minuto, con intervalli di 5 minuti in base al livello di analgesia e la frequenza respiratoria. 1 velocità di infusione consigliata: ,025-,2 mcg / kg per minuto. 1

Supplementari rapida IV (bolo) dosi di remifentanil non sono raccomandati a causa del rischio di depressione respiratoria e rigidità muscolare. 1

velocità di infusione> 0,2 mcg / kg per minuto associata alla depressione respiratoria. 1

Remifentanil 1 mcg / kg per minuto in pazienti con ASA stato fisico del III o IV. 1 ipotensione eccessiva riportati negli studi clinici in cui dosaggio di propofol somministrato in concomitanza superato 0,5 mg / kg più di 1 minuto seguito da 10 mg ogni 10 secondi fino a quando la perdita di coscienza. 1

Mentre la componente analgesica di un high-dose di oppiacei, regime di anestesia bilanciata o IV, remifentanil 1 mcg / kg per minuto in pazienti con ASA stato fisico del III o IV. 1 velocità di infusione consigliata: ,125-4 mcg / kg per minuto. 1 supplementari rapida IV (bolo) dosi di 0,5-1 mcg / kg possono essere somministrati. 1 41

Remifentanil 1 mcg / kg per minuto in pazienti con ASA stato fisico del III o IV. 1 velocità di infusione consigliata: 0,05-1 mcg / kg per minuto. 1

L’ossigeno supplementare fortemente raccomandato per i pazienti trattati con remifentanil per la cura anestesia monitorata. 1

Quando viene utilizzato da solo prima di anestesia locale o regionale in pazienti con ASA stato fisico del I, II o III, la dose singola remifentanil di 1 mcg / kg (più di 30-60 secondi) somministrato 90 secondi prima che l’anestetico locale. 1 Quando viene usato in questo modo in combinazione con midazolam 2 mg, ridurre la dose remifentanil a 0,5 mcg / kg (oltre 30-60 secondi). 1

Quando usato da solo in pazienti con ASA stato fisico I, II o III, remifentanil 0,1 mcg / kg per minuto, iniziando 5 minuti prima l’anestetico locale. 1 A causa del rischio di depressione respiratoria, ridurre la velocità di infusione di 0,05 mcg / kg per minuto seguente posizionamento blocco del nervo. 1 Regolare conseguente tasso di infusione in incrementi di 0,025 mcg / kg per minuto ad intervalli di 5 minuti in base al livello di analgesia e la frequenza respiratoria. 1 velocità di infusione consigliata: ,025-,2 mcg / kg per minuto. 1

Quando utilizzato in combinazione con midazolam 2 mg, remifentanil 0,05 mcg / kg per minuto, iniziando 5 minuti prima l’anestetico locale. 1 A causa del rischio di depressione respiratoria, ridurre la velocità di infusione a 0,025 mcg / kg per minuto seguente posizionamento blocco del nervo. 1 Regolare conseguente tasso di infusione in incrementi di 0,025 mcg / kg per minuto ad intervalli di 5 minuti in base al livello di analgesia e la frequenza respiratoria. 1 velocità di infusione consigliata: ,025-,2 mcg / kg per minuto. 1

velocità di infusione> 0,2 mcg / kg per minuto associata alla depressione respiratoria. 1

La somministrazione di una rapida IV (bolo) dosi di remifentanil in concomitanza con una infusione continua del farmaco in pazienti con respirazione spontanea non è raccomandato. 1 11

Diminuire iniziale e, possibilmente, le dosi successive di remifentanil del 50% nei pazienti> 65 anni di età; titolare con cautela. 1 2 9 12 (Vedere Uso geriatrica sotto Precauzioni.)

Considerare di estendere il tempo previsto per effetto clinico del 50-100% nei pazienti geriatrici. 9 (Vedi Assorbimento:. Popolazioni speciali sotto farmacocinetica)

Base dosaggio iniziale su una stima di ideale (magro) del peso corporeo se il peso corporeo supera peso ideale da> 30%. le successive riduzioni di dosaggio 1 base alla stima del peso corporeo ideale. 2 9 12

Contiene glicina; controindicata per la somministrazione epidurale o intratecale. 1 2 3 9

Ipersensibilità nota agli analoghi di fentanil. 1

Condivide le potenzialità tossiche degli agonisti oppiacei; osservare le normali precauzioni di terapia oppiacei agonisti. 1 2 3

Il remifentanil deve essere somministrato solo da personale addestrato nell’uso di farmaci anestetici e la gestione degli effetti respiratori di oppiacei, tra cui le vie respiratorie e la rianimazione cardiaca. 1 Tale formazione deve includere la creazione e il mantenimento di una pervietà delle vie aeree e la ventilazione assistita. 1

Non utilizzare per procedure diagnostiche o terapeutiche di fuori di un ambiente di assistenza anestesia monitorata. 1 I pazienti che ricevono il farmaco per la cura anestesia monitorata devono essere continuamente monitorati da persone non coinvolte nella conduzione della procedura chirurgica o diagnostica. 1

Monitorare continuamente la saturazione di ossigeno e disporre di attrezzature di rianimazione e l’intubazione, l’ossigeno, e un antagonista degli oppiacei prontamente disponibili. 1

Cancella remifentanil dal tubo IV sulla sospensione della droga; La mancata rimozione remifentanil residua associata a depressione respiratoria, apnea, e rigidità muscolare dopo somministrazione di fluidi o farmaci attraverso lo stesso tubo. 1

Apnea e depressione respiratoria dose-dipendente segnalati con remifentanil. 1 2 3 9 11 remifentanil velocità di infusione di 0,05-0,1 mcg / kg per minuto sono associati ad una diminuzione minimi in frequenza respiratoria; dosi di 0,5-1 mcg / kg somministrati in combinazione con un IV infusione continua del farmaco, aumenti incrementali di velocità di infusione di> 0,05 mcg / kg per minuto, e le concentrazioni plasmatiche> 5 ng / mL sono associati a depressione respiratoria transitoria e reversibile e apnea. 1 depressione respiratoria picco dopo una rapida IV (bolo) dosi generalmente si verifica entro 2,5-5 minuti. 2 8 11

La depressione respiratoria può verificarsi fino a 30 minuti dopo l’interruzione di remifentanil infusione secondario ad effetti residui di anestetici concomitanti. 1 pazienti Monitor nel periodo post-operatorio per garantire un adeguato recupero senza stimolazione. 1 Ad oggi, i casi non segnalati di depressione respiratoria ritardata remifentanil-indotta che si verificano> 30 minuti dopo sospensione del farmaco. 1

Recupero di drive respiratorio dopo un’infusione di 3 ore è stato più veloce e meno variabile con remifentanil che con alfentanil (quando somministrato per la produzione di uguali livelli di depressione respiratoria). 1

Gestire la depressione respiratoria in pazienti che respirano spontaneamente, riducendo la velocità di infusione di remifentanil del 50% o interrompendo temporaneamente l’infusione. 1 respirazione spontanea avviene a concentrazioni di remifentanil plasmatiche di 4-5 ng / mL in assenza di altri agenti anestetici. 1 In pazienti sottoposti ad anestesia generale, il tasso di recupero respiratoria è dipendente da anestetici concomitanti. 1 (Vedi sotto Durata farmacocinetica.)

L’ossigeno supplementare fortemente raccomandato per i pazienti trattati con remifentanil per la cura anestesia monitorata. 1

Dose-dipendente rigidità muscolare, in particolare coinvolgendo muscoli respiratori. 1 parete toracica rigidità può verificarsi dopo dosi singole remifentanil di> 1 mcg / kg in 30-60 secondi, con velocità di infusione di> 0,1 mcg / kg per minuto, o dopo dosi singole di <1 mcg / kg somministrati in combinazione con un infusione continua del farmaco. 1 rigidità periferica può verificarsi a dosi più basse. 1 dosi supplementari di 0,5-1 mcg / kg, aumenti incrementali di velocità di infusione di> 0,05 mcg / kg per minuto, e le concentrazioni plasmatiche> 5 ng / mL sono associati con transitorie e reversibili rigidità muscolare. 1

Per gestire la rigidità che si verificano durante l’induzione dell’anestesia, amministrare un blocco neuromuscolare agente prima o in contemporanea con il regime di induzione. 1 La somministrazione di una dose di induzione di propofol o tiopentone o una dose paralizzante miorilassante prima o simultaneamente con remifentanil durante l’induzione di anestesia ridotta incidenza di rigidità muscolare dal 20% al <1% in studi clinici. 1 Per trattare la rigidità nei pazienti in respiro spontaneo, diminuire la velocità di infusione di remifentanil o interrompere il farmaco; risoluzione di rigidità evidente in pochi minuti dopo l'infusione sospensione. 1 Per la rigidità in pericolo la vita, amministrare neuromuscolare rapida insorgenza agente o naloxone bloccante. 1 Monitorare i segni vitali e l'ossigenazione continuamente durante la somministrazione di remifentanil. 1 bradicardia dose-dipendente e ipotensione riportate in pazienti che hanno ricevuto dosi premedicati remifentanil di <2 mcg / kg più di 1 minuto. 1 Ulteriori dosi di> 2 mcg / kg (fino a 30 mcg / kg) non ha prodotto ulteriori riduzioni della frequenza cardiaca o BP. 1 Durata del cambiamento emodinamico direttamente proporzionale alla concentrazione plasmatica del farmaco, con effetti emodinamici di picco che si verificano entro 3-5 minuti dopo una singola dose di aumento del tasso o infusione di remifentanil. 1

La bradicardia sensibile alle efedrina o agenti antimuscarinici (ad esempio, l’atropina, glicopirrolato). 1 ipotensione sensibile alla diminuzione del tasso di somministrazione di remifentanil o anestetici concomitanti, la somministrazione di fluidi IV, o catecolamine (ad esempio, efedrina, adrenalina, noradrenalina). 1 (Vedere Eliminazione:. Popolazioni speciali, sotto farmacocinetica)

risveglio intraoperatorio riportati in pazienti <55 anni di età, quando remifentanil somministrato con propofol (≤75 mcg / kg per minuto). 1 A causa della rapida compensazione di azione (entro 5-10 minuti) dopo sospensione della droga, i pazienti sottoposti a procedure chirurgiche dovrebbero ricevere altri analgesici prima di remifentanil sospensione. 1 3 Non utilizzare remifentanil come unico agente per l'induzione dell'anestesia da perdita di coscienza non può essere garantita ed una elevata incidenza di apnea, rigidità muscolare, o la tachicardia è possibile. 1 3 Utilizzare remifentanil con cautela in individui obesi da alterazioni nella fisiologia cardiovascolare e respiratorio possono essere presenti. 1 Categoria C. 1 Sicurezza di remifentanil durante il travaglio o la consegna non stabilito fino ad oggi. 1 depressione respiratoria e altri oppiacei effetti possono verificarsi in neonati le cui madri sono dati remifentanil poco prima della consegna. 1 Non è noto se remifentanil è distribuito nel latte umano. 1 Tuttavia, altri analoghi del fentanil distribuire nel latte umano. 1 Attenzione se usato in donne che allattano. 1 Sicurezza ed efficacia di remifentanil per l'utilizzo nella fase di anestesia generale in ambulatorio e chirurgia ospedaliera di manutenzione sono state stabilite nei pazienti pediatrici dalla nascita ai 12 anni di età. 1 Sicurezza ed efficacia di remifentanil come analgesico nel postoperatorio o come componente analgesico della cura anestesia monitorata non sono state stabilite nei pazienti pediatrici. 1 I pazienti anziani possono essere due volte più sensibili agli effetti farmacodinamici di remifentanil rispetto ai giovani adulti; controllare attentamente. 1 3 9 Regolare il dosaggio di conseguenza. 1 2 9 12 (Vedi i pazienti geriatrici sotto Dosaggio e somministrazione). I pazienti anziani possono presentare diminuzione della clearance di remifentanil; 1 2 9 12 tuttavia, tempo di dimezzamento è immutata, e le concentrazioni plasmatiche declino come rapidamente dopo l'interruzione della droga come nei giovani adulti. 1 (Vedere Eliminazione:. Popolazioni speciali, sotto farmacocinetica) Farmacodinamica (risposta ventilatoria ipercapnia) di remifentanil sono inalterate nei pazienti con insufficienza epatica grave in attesa di trapianto di fegato. 1 La farmacocinetica di remifentanil e il suo metabolita sono inalterato in presenza di insufficienza epatica. 1 2 3 12 Farmacodinamica (risposta ventilatoria ipercapnia) di remifentanil sono inalterate nei pazienti con malattia renale allo stadio terminale. 1 La farmacocinetica di remifentanil sono inalterate in presenza di insufficienza renale, tra cui la malattia renale allo stadio terminale. 1 2 12 (Vedere Eliminazione:. Popolazioni speciali, sotto farmacocinetica) La depressione respiratoria, 1 9 10 11 bradicardia, 1 2 9 10 11 12 ipotensione, 1 2 9 10 11 12 scheletrico rigidità muscolare, 1 2 9 10 11 12 nausea, 1 2 9 11 12 vomito, 1 2 9 11 12 prurito, 1 9 mal di testa, brividi 1, 1 2 11 12 vertigini. 1 Droga Interazione Commenti Anestetici (ad esempio, isoflurano, propofol, tiopentale) effetto sinergico quando somministrato in concomitanza con remifentanil 1 2 3 12 Liquidazione di remifentanil inalterato da tiopentale, isoflurano, o propofol 1 Propofol o tiopentale può attenuare lo sviluppo di remifentanil associata rigidità muscolare 1 Potrebbe essere necessario ridurre la dose di anestetico fino al 75% 1 3 Antimuscarinici (atropina, glicopirrolato) Può attenuare il potenziale di bradicardia remifentanil associata 1 3 inibitori della colinesterasi Il remifentanil idrolisi non è stato inibito dalla neostigmina o fisostigmina in vitro 1 9 Esmolol Remifentanil idrolisi non è stata inibita da esmololo in vitro 1 metabolismo Esmolol non è stato alterato da remifentanil 9 midazolam effetto sinergico quando somministrato in concomitanza con remifentanil 1 2 3 9 Il remifentanil idrolisi non è stato inibito dal midazolam in vitro 1 Potrebbe essere necessario ridurre il dosaggio midazolam fino al 75% 1 agenti di blocco neuromuscolare Può attenuare sviluppo di remifentanil associata rigidità muscolare 1 Il remifentanil idrolisi non è stato inibito dalla atracurio o mivacurium in vitro 1 metabolismo La succinilcolina non è stato alterato da remifentanil 9 temazepam Liquidazione di remifentanil inalterato temazepam 1 Avvio d'azione rapida (entro 1-1,5 minuti) e l'effetto analgesico di picco (entro 1-3 minuti). 1 2 4 8 9 10 12 remifentanil ha una più rapida insorgenza d'azione di fentanyl o sufentanil. 8 9 Breve durata d'azione. 1 2 3 4 remifentanil ha una durata di azione più breve rispetto alfentanil o fentanil. 10 Il recupero è rapido (entro 3-15 minuti), prevedibile, e indipendente dalla durata dell'infusione. 1 2 8 10 12 Il remifentanil non si accumula durante la somministrazione prolungata; quindi, la sua durata di azione (a differenza di quella di altri analoghi fentanil) non aumenta proporzionalmente con la durata della somministrazione. 1 8 Nei neonati a termine e bambini <8 settimane di età che ricevono l'anestesia di mantenimento con remifentanil (0,4-1 mcg / kg per minuto) e protossido di azoto, tempi mediani di movimento intenzionale spontaneo e estubazione erano 6,5 (range: 1-13) e 8.5 (range: 1-14) minuti, rispettivamente. 1 16 In pazienti sottoposti a chirurgia generale e ricevono remifentanil come componente di anestesia, estubazione si è verificato in un tempo medio di 5 (range: -3-17) e 10 (range: 0-32) minuti in pazienti ambulatoriali e ricoverati, rispettivamente. 1 2 di recupero è stato più veloce se usato in combinazione con il protossido di azoto e il propofol rispetto a quando utilizzato in combinazione con isoflurano. 1 in quelli che ricevono l'anestesia di mantenimento con remifentanil (0,2-0,5 mcg / kg per minuto) in collaborazione con isoflurano, enflurano o propofol, con o senza protossido di azoto, mediana o della media volte per la ventilazione spontanea erano 2-11 o 6-8 minuti rispettivamente. 2 21 22 23 24 25 26 27 28 29 Nei pazienti che ricevono l'anestesia di mantenimento con remifentanil (0,2-0,4 mcg / kg per minuto) in combinazione con isoflurano o propofol, con o senza il protossido di azoto, il tempo mediano di rispondere ai comandi verbali era 5- 15 minuti. 2 21 22 25 26 27 28 29 In pazienti sottoposti a neurochirurgia e che ricevono l'anestesia di mantenimento con remifentanil (0,2-0,25 mcg / kg per minuto) in collaborazione con IV (propofol) e / o di anestetici per inalazione (isoflurano, protossido di azoto), il tempo mediano alla risponde ai comandi verbali e tempo mediano alla estubazione erano 5-13 e 5-11 minuti, rispettivamente. 1 2 17 18 19 Presenta una lineare, dose-dipendente profilo farmacocinetico. 2 9 12 La concentrazione plasmatica di farmaco correla direttamente con risposta del paziente e diminuisce del 50% in 3-6 minuti dopo infusione di 1 minuto o dopo prolungata infusione continua (a causa della rapida distribuzione ed eliminazione) ed è indipendente dalla durata di somministrazione del farmaco. 1 2 3 4 9 11 12 Nuove concentrazioni di steady-state evidenti entro 5-10 minuti dopo la variazione del tasso di infusione. 1 Aumentando o diminuendo la velocità di infusione di 0,1 mcg / kg per minuto generalmente produce un cambiamento da 2 a 2,5 ng / mL nelle concentrazioni plasmatiche di remifentanil entro 5-10 minuti. 1 Una nuova concentrazione allo stato stazionario, superiore può essere raggiunto più rapidamente (entro 3-5 minuti) in pazienti intubati se 1 mcg / kg di remifentanil è dato dalla rapida IV (bolo) di iniezione in concomitanza con un aumento del tasso di infusione. 1 In pazienti con malattia renale allo stadio terminale, i tempi di recupero sembrano essere simili a quelli in pazienti con funzione renale normale. 2 Nei pazienti obesi sottoposti a chirurgia ambulatoriale, significa tempi di recupero e estubazione dopo anestesia manutenzione con remifentanil (0,05-2 mcg / kg per minuto) in collaborazione con sevoflurano e protossido di azoto sono stati 6 e 7 minuti rispettivamente. 2 20 Nei bambini 2-12 anni di età che ricevono l'anestesia di mantenimento con remifentanil (0,2-1,95 mcg / kg per minuto) in combinazione con ossido di azoto o con protossido di azoto e sia alotano o sevoflurano, volte al movimento spontaneo e propositivo estubazione erano 1-24 minuti . 1 13 14 Nei bambini 1-12 anni di età che ricevono l'anestesia di mantenimento con remifentanil (fino a 0,75 mcg / kg per minuto) in collaborazione con protossido di azoto e isoflurano, tempi mediani di movimento intenzionale spontaneo e estubazione erano 15 (range: 2-75 ) e 13 (range: 4-31) minuti, rispettivamente. 1 15 L'inizio dell'azione può essere ritardata nei pazienti geriatrici rispetto ai soggetti più giovani. 9 tempi di recupero più rapidi riportate nei pazienti <60 anni di età rispetto a quelli> 60 anni di età che riceve remifentanil in collaborazione con propofol; tempo medio di respirazione spontanea è stata dello 0,8 rispetto a 3,2 minuti, rispettivamente, e il tempo medio di estubazione era 5 contro 9 minuti, rispettivamente. 2

distribuita rapidamente in tutto il sangue e nei tessuti altamente perfusione; successivamente distribuito nei tessuti periferici; a differenza di altri agonisti oppiacei, remifentanil non si accumula a dosi elevate o con la somministrazione prolungata. 1 2 3 11 12

equilibra rapidamente attraverso barriera emato-encefalica. 1 2 9 12

Croci placenta; 2 9 12 concentrazioni medie materne remifentanil sono circa il doppio di quelle osservate nel feto. 1

70-92% (principalmente alfa 1 glicoproteina -acido). 1 2 8 9 12

i volumi di distribuzione in genere correlano con peso corporeo totale; Tuttavia, nei pazienti obesi marcatamente, volume di distribuzione correla meglio con il peso corporeo ideale. 1 2

volume di distribuzione è aumentato nei bambini più piccoli e si rifiuta di giovani adulti sani valori da 17 anni di età. 1

Rapido ed esteso (> 95%) idrolizzato al propanoico metil estere linkage dalle esterasi non specifiche nel sangue e nei tessuti, con conseguente formazione di un metabolita acido carbossilico inattivo; subisce N -dealkylation in misura minore. 1 2 3 4 8 9 10 12 Remifentanil non viene metabolizzato dalle colinesterasi plasmatiche e non è sensibilmente metabolizzato nel fegato o polmoni. 1 2 3

Rapidamente eliminato; ≥88% della dose eliminata nelle urine come metabolita carbossilico. 1 2 3 9 11 12

Remifentanil: Terminal emivita di eliminazione: 8-40 minuti; 1 2 8 9 11 12 efficace biologica tempo di dimezzamento: 3-10 minuti. 1 2 3 9 11

Carbossilico metabolita acido: 90-120 minuti. 1 9

Insufficienza epatica: La farmacocinetica di remifentanil 1 2 3 12 e del metabolita carbossilico invariato. 1

Insufficienza renale: La farmacocinetica di remifentanil invariato. 1 2 3 12 L’emivita del metabolita carbossilico è aumentato a 30 ore nei pazienti anefrici. 1 carbossilici metabolita acido viene rimosso per emodialisi (dialisi aria: 30%). 1

Obesità: Liquidazione correla generalmente con peso corporeo totale; tuttavia, in pazienti gravemente obesi, la clearance correla meglio con il peso corporeo ideale. 1 2 12

Pediatric patients: Clearance is generally higher in younger children and declines to young healthy adult values by 17 years of age. 1 Neonatal clearance is variable and may average twice that observed in young adults. 1

Geriatric patients: Remifentanil clearance is reduced by about 25% in patients >65 years of age compared with young adults; 1 9 12 however, plasma concentrations decline as rapidly after drug discontinuance as in young adults. 1

Hypothermic cardiopulmonary bypass: Clearance of remifentanil is reduced by about 20%. 1 2 12

2–25°C. 1

Following reconstitution and dilution to final concentration of 20–250 mcg/mL in sterile water for injection, 5% dextrose, 5% dextrose and 0.9% sodium chloride, 0.45 or 0.9% sodium chloride, or 5% dextrose and lactated Ringer’s injection, store at room temperature; use within 24 hours. 1

Following reconstitution and dilution to final concentration of 20–250 mcg/mL in lactated Ringer’s injection, store at room temperature; use within 4 hours. 1

Per informazioni sulle interazioni sistemici derivanti dall’uso concomitante, vedere le interazioni.

May be incompatible with blood products. 1 (See IV Administration under Dosage and Administration.)

Compatibile

Destrosio 5% in acqua 1

Dextrose 5% in sodium chloride 0.9% 1

Sodium chloride 0.45 or 0.9% 1

Dextrose 5% in Ringer’s injection, lactated 1

Ringer’s injection, lactated 1

Compatibile

aciclovir sodio

Alfentanil HCl

Amikacin sulfate

Aminophylline

Ampicillin sodium

Ampicillin sodium–sulbactam sodium

aztreonam

Bretylium tosylate

Bumetanide

Buprenorphine HCl

Butorphanol tartrate

gluconato di calcio

Cefazolin sodium

Cefepime HCl

Cefotaxime sodium

Cefotetan disodium

Cefoxitin sodium

Ceftazidime

Ceftizoxime sodium

Ceftriaxone sodium

Cefuroxime sodium

Cimetidine HCl

Ciprofloxacina

cisatracurio besilato

Clindamycin phosphate

Co-trimoxazole

Dexamethasone sodium phosphate

dexmedetomidina HCl

digossina

Diphenhydramine HCl

Dobutamine HCl

dopamine HCl

Doxycycline hyclate

Droperidol

Enalaprilat

Epinephrine HCl

Esmolol HCl

Famotidine

Fenoldopam mesilato

fentanil citrato

fluconazolo

Furosemide

Ganciclovir sodium

Gatifloxacin

Gentamicin sulfate

Haloperidol lactate

eparina sodica

Hydrocortisone sodium succinate

Hydromorphone HCl

Hydroxyzine HCl

Imipenem-cilastatin sodium

Inamrinone lactate

Isoproterenol HCl

Ketorolac tromethamine

Lidocaine HCl

Linezolid

Lorazepam

Magnesium sulfate

Mannitol

Meperidine HCl

Methylprednisolone sodium succinate

Metoclopramide HCl

Metronidazole

Midazolam HCl

Morphine sulfate

Nalbuphine HCl

Nitroglycerin

Norepinephrine bitartrate

Ondansetron HCl

Phenylephrine HCl

Piperacillin sodio-tazobactam sodico

Potassium chloride

Procainamide HCl

Prochlorperazine edisylate

Promethazine HCl

Ranitidine HCl

Bicarbonato di sodio

Sufentanil citrate

La teofillina

Thiopental sodium

Ticarcillin disodium–clavulanate potassium

Tobramycin sulfate

Vancomycin HCl

Zidovudine

Incompatibile

L’amfotericina B complesso colesterolo solfato

Variabile

Amphotericin B

Chlorpromazine HCl

Diazepam

Compatible with propofol (Diprivan) when both drugs are administered into a running IV infusion solution. 1

A selective μ-receptor agonist with similar potency to fentanyl; shares the actions of the opiate agonists. 2 3 4 8 9 10 11 12

Precise mechanism of action has not been fully elucidated; opiate agonists act at several CNS sites, involving several neurotransmitter systems to produce analgesia. 5 8

Remifentanil exhibits greater affinity for μ-receptor than for the δ- or κ-receptors. 3 11 Does not substantially bind to other nonopioid receptors. 3

Agonist activity at the opiate μ-receptor can result in analgesia and respiratory depression. 2 8 Respiratory depression may be mediated by μ-receptors, possibly μ 2 -receptors (which may be distinct from μ 1 -receptors involved in analgesia); κ- and δ-receptors may also be involved in respiratory depression. 5 7

Opiate agonists alter perception of and emotional response to pain. 5

Pain perception is altered in the spinal cord and higher CNS levels (e.g., substantia gelatinosa, spinal trigeminal nucleus, periaqueductal gray, periventricular gray, medullary raphe nuclei, hypothalamus). 5 6

Opiate agonists do not alter the threshold or responsiveness of afferent nerve endings to noxious stimuli, nor peripheral nerve impulse conduction. 5 6

Opiate agonists act at specific receptor binding sites in the CNS and other tissues; opiate receptors are concentrated in the limbic system, thalamus, striatum, hypothalamus, midbrain, and spinal cord. 5

Remifentanil does not substantially affect intracranial pressure, 1 2 3 12 cerebral blood flow or cerebral capacity, 2 12 or cerebrovascular reactivity to carbon dioxide. 1 2 3 12 Remifentanil does not substantially affect cerebral cortical cells, thereby exerting minimal effect on cognitive function. 9

Remifentanil exhibits hypnotic-sparing effects similar to those of other opiates. 1 2 3 12

Remifentanil does not appear to cause histamine release. 1 3 11

Does not appear to alter intraocular pressure. 1 2 3 12

In attesa della revisione, il materiale in questa sezione deve essere considerato alla luce delle informazioni più recentemente disponibili nella notifica MedWatch all’inizio di questa monografia.

L’importanza delle donne informando i medici se sono o sta pianificando una gravidanza o intenzione di allattare. 1

Importance of informing clinician of existing or contemplated concomitant therapy, including prescription and OTC drugs, as well as any concomitant illnesses (e.g., cardiovascular disease). 1

Importanza di informare i pazienti di altre importanti informazioni di precauzione. 1 (Vedi Avvertenze).

Eccipienti in preparati farmaci disponibili in commercio possono avere effetti clinicamente importanti in alcuni individui; consultare l’etichettatura dei prodotti specifici per i dettagli.

Si prega di fare riferimento alla ASHP scarsità della droga Resource Center per informazioni sulla carenza di uno o più di questi preparati.

Salvo il controllo nell’ambito della Substances federale Controlled Act del 1970 come un farmaco elenco II (C-II). 1

Itinerari

Forme di dosaggio

Punti di forza

Marchi

fabbricante

Parenterale

Per l’iniezione, solo per uso IV

1 mg (of remifentanil)

Ultiva (C-II; with glycine; preservative-free)

Abbott

2 mg (of remifentanil)

Ultiva (C-II; with glycine; preservative-free)

Abbott

5 mg (of remifentanil)

Ultiva (C-II; with glycine; preservative-free)

Abbott

AHFS DI Essentials. , Selected Revisions March 1, 2009.

1. Abbott Laboratories. Ultiva (remifentanil hydrochloride) injection prescribing information. North Chicago, IL; 2006 Aug.

2. Scott LJ, Perry CM. Remifentanil: a review of its use during the induction and maintenance of general anesthesia. Farmaci. 2005; 65:1793-1823. [PubMed 16114980]

3. Bürkle H, Dunbar S, Van Aken H. Remifentanil: a novel, short-acting, μ-opioid. Anesth Analg. 1996; 83:646-51.

4. Martinelli C, Davoli M, Rutili A et al. Remifentanil for analgesia and sedation of critically ill patients in intensive care units (protocol). Cochrane Database of Syst 2006; 1:CD005577.

5. Bailey PL. Clinical Pharmacology and Applications of Opioid Agonists. In: Bowdle TA, Horita A, Kharasch ED. The pharmacologic basis of anesthesiology. New York: Churchill Livingstone; 1994:96-103.

6. Jaffe JH, Martin WR. analgesici oppioidi e antagonisti. In: Gilman AG, Goodman L, Gilman A, eds. Goodman e Gilman è la base farmacologica di terapie. 6 ° ed. New York: Macmillan Publishing Company; 1980:494-534.

7. Reisner L, Koo PJS. Pain and its management. In: Koda-Kimble MA, Young LY et al, eds. Applied Therapeutics: the clinical use of drugs. 8 ° ed. Baltimore, MD: Lippincott Williams & Wilkins; 2005: 9-1-9-40.

8. Gutstein HB, Akil H. Opioid analgesics. In: Brunton LL, Lazo JS et al, eds. Goodman and Gilman’s the pharmacological basis of therapeutics. 11th ed. New York: McGraw-Hill; 547-90.

9. Beers R, Camporesi E. Remifentanil update: clinical science and utility. CNS Drugs. 2004; 18:1085-1104. [PubMed 15581380]

10. Mason P. Remifentanil. Intensive Crit Care Nurs. 2002; 18:355-57. [PubMed 12526873]

11. Richardson SP, Egan TD. The safety of remifentanil by bolus injection. Expert Opin. Saf Drug. 2005; 4:643-51.

12. Scott LJ, Perry CM. Spotlight on remifentanil for general anaesthesia. CNS Drugs. 2005; 19:1069-74. [PubMed 16332149]

13. Davis PJ, Lerman J, Suresh S et al. A randomized multicenter study of remifentanil compared with alfentanil, isoflurane, or propofol in anesthetized pediatric patients undergoing elective strasbismus surgery. Anesth Analg. 1997; 84:982-9. [PubMed 9141919]

14. Davis PJ, Finkel JC, Orr RJ et al. A randomized, double-blinded study of remifentanil versus fentanyl for tonsillectomy and adenoidectomy surgery in pediatric ambulatory surgical patients. Anesth Analg. 2000; 90:863-7. [PubMed 10735790]

15. Prys-Roberts C, Lerman J, Murat I et al. Comparison of remifentanil versus regional anaesthesia in children anaesthetised with isoflurane/nitrous oxide. International Remifentanil Paediatric Anaesthesia Study group. Anaesthesia. 2000; 55:870-6.

16. Galinkin JL, Davis PJ, McGowan FX et al. A randomized multicenter study of remifentanil compared with halothane in neonates and infants undergoing pyloromyotomy. II. Perioperative breathing patterns in neonates and infants with pyloric stenosis. Anesth Analg. 2001; 93:1387-92. [PubMed 11726412]

17. Balakrishnan G, Raudzens P, Samra SK et al. A comparison of remifentanil and fentanyl in patients undergoing surgery for intracranial mass lesions. Anesth Analg. 2000; 91:163-9. [PubMed 10866905]

18. Gelb AW, Salevsky F, Chung F et al. Remifentanil with morphine transitional analgesia shortens neurological recovery compared to fentanyl for supratentorial craniotomy. Can J Anesth. 2003; 50:946-52. [PubMed 14617595]

19. Sneyd JR, Whaley A, Dimpel HL et al. An open, randomized comparison of alfentanil, remifentanil and alfentanil followed by remifentanil in anaesthesia for craniotomy. Br J Anaesth. 1998; 81:361-4. [PubMed 9861120]

20. Song D, Whitten CW, White PF. Remifentanil infusion facilitates early recovery for obese outpatients undergoing laparoscopic cholecystectomy. Anesth Analg. 2000; 90:1111-3. [PubMed 10781462]

21. Chung F, Mulier JP, Scholz J et al. A comparison of anaesthesia using remifentanil combined with either isoflurane, enflurane or propofol in patients undergoing gynaecological laparoscopy, varicose vein or arthroscopic surgery. Acta Anaesthesiol Scand. 2000; 44:790-8. [PubMed 10939691]

22. Hogue CW Jr, Bowdle TA, O’Leary C et al. A multicenter evaluation of total intravenous anesthesia with remifentanil and propofol for elective inpatient surgery. Anesth Analg. 1996; 83:279-85. [PubMed 8694306]

23. Rowbotham DJ, Peacock JE, Jones RM et al. Comparison of remifentanil in combination with isoflurane or propofol for short-stay surgical procedures. Br J Anaesth. 1998; 80:752-5. [PubMed 9771302]

24. Wilhelm W, Grundmann U, Van Aken H et al. A multicenter comparison of isoflurane and propofol as adjuncts to remifentanil-based anesthesia. J Clin Anesth. 2000; 12:129-35. [PubMed 10818327]

25. Schuttler J, Albrecht S, Breivik H et al. A comparison of remifentanil and alfentanil in patients undergoing major abdominal surgery. Anaesthesia. 1997; 52:307-17. [PubMed 9135180]

26. Sneyd JR, Camu R, Doenicke A et al. Remifentanil and fentanyl during anaesthesia for major abdominal and gynaecological surgery. An open, comparative study of safety and efficacy. Eur J Anaesthesiol. 2001; 18:605-14. [PubMed 11553256]

27. Twersky RS, Jamerson B, Warner DS et al. Hemodynamics and emergence profile of remifentanil versus fentanyl prospectively compared in a large population of surgical patients. J Clin Anesth. 2001; 13:407-16. [PubMed 11578883]

28. Cartwright DP, Kvalsvik O, Cassuto J et al. A randomized, blind comparison of remifentanil and alfentanil during anesthesia for outpatient surgery. Anesth Analg. 1997; 85:1014-9. [PubMed 9356093]

29. Philip BK, Scuderi PE, Chung F et al. Remifentanil compared with alfentanil for ambulatory surgery using total intravenous anesthesia. Anesth Analg. 1997; 84:515-21. [PubMed 9052293]

30. Davis P. Galinkin J, McGowan FX et al. A randomized multicenter study of remifentanil compared with halothane in neonates and infants undergoing pyloromyotomy. I. Emergence and recovery profiles. Anesth Analg. 2001; 93:1380-6 [PubMed 11726411]

31. Gold MI, Watkins WD, Sung YF et al. Remifentanil versus remifentanil/midazolam for ambulatory surgery during monitored anesthesia care. Anestesiologia. 1997; 87:51-7. [PubMed 9232133]

32. Ahmad S, Leavell ME, Fragen RJ et al. Remifentanil versus alfentanil as analgesic adjuncts during placement of ophthalmologic nerve blocks. Reg Anesth Pain Med. 1999; 24:331-6. [PubMed 10445772]

33. Leidinger W, Schwinn P, Hofmann HM et al. Remifentanil for analgesia during retrobulbar nerve block placement. Eur J Anaesthesiol. 2005; 22:40-3. [PubMed 15816572]

34. Dilger JA, Sprung J, Maurer W et al. Remifentanil provides better analgesia than alfentanil during breast biopsy surgery under monitored anesthesia care. Can J Anaesth. 2004; 51:20-4. [PubMed 14709455]

35. Avramov MN, Smith I, White PF. Interactions between midazolam and remifentanil during monitored anesthesia care. Anestesiologia. 1996; 85:1283-9. [PubMed 8968175]

36. Yarmush J, D’Angelo R, O’Leary C et al. Remifentanil versus morphine for acute postoperative analgesia (abstract). Anesth Analg. 1996; 82:S504.

37. Yarmush J, D’Angelo R, Kirkhart B et al. A comparison of remifentanil and morphine sulfate for acute postoperative analgesia after total intravenous anesthesia with remifentanil and propofil. Anesthesiol. 1997; 87:235-45.

38. Camu F, Sneyd JR, Holgersen D et al. Efficacy and safety of remifentanil to control immediate postoperative pain prior to transfer to ward analgesia (abstract). Presented at the 11th World Congress of Anaesthesiologists, 14-20 April 1996, Sydney, D311.

39. Bowdle TA, Camporesi EM, Maysick L et al. A multicenter evaluation of remifentanil for early postoperative analgesia. Anesth Analg. 1996; 83:1292-97. [PubMed 8942602]

40. Bowdle TA, Ready LB, Kharasch ED et al. Transition to post-operative epidural or patient-controlled intravenous analgesia following total intravenous anaesthesia with remifentanil and propofol for abdominal surgery. Eur J Anesth. 1997; 14:374-79.

41. Abbott, Abbott Park, IL: Personal communication.

HID. Trissel LA. Manuale sui farmaci iniettabili. 14th ed. Bethesda, MD: American Society of sistema sanitario farmacisti; 2007:1455-61.